Game Wedding: nozze all’insegna del divertimento

Si sta svilppando sempe più una nuova e divertente “formula” relativa all’organizzazione dei matrimoni.

Stiamo parlando del Game Wedding!

 

game wedding

 

 

Di che cosa si tratta?

Si festeggiano gli sposi…giocando!

Tra una portata e l’altra del banchetto nuziale, per riempire i “vuoti” e non rendere un po’…noiosa l’atmosfera gioiosa delle nozze, ecco che si decide di dare vita ad una serie di elettrizzanti game!

Spazio allora, ad allegre partite a squadra che coinvolgono sia gli sposi che gli invitati alle nozze!

 

game wedding

 

 

Il divertimento così è davvero assicurato!

L’importante è, però, realizzare il matrimonio in una bella struttura all’aperto, magari con tanto verde!

La scelta dei giochi da organizzare è davvero copiosa: si va dalla partita a bocce, alla gigantesca dama, dal domino allo scarabeo; dalla gara di puzzle a quella di un sereno cruciverba; ed ancora: da una sfida a beach volley ad una mini golf!

Si alternano, in questo modo, giochi veloci, che richiedono un sano movimento, che porta a togliersi la giacca ed a sciogliersi il nodo della cravatta, a quelli più tranquilli che, invece, richiedono relax ed una necessaria concentrazione mentale!

 

game wedding

 

Simpatiche, tra le altre cose, anche le gare nei sacchetti di liuta ed il frisbee (quest’ultimo game da farsi, però, ad una grande distanza dai tavoli del ricevimento nuziale!).

Non mancano, poi, quegli sposi che amano inserire sfide insolite nel loro  Game Wedding come ad esempio quelle relative all’Hula Hoop.

Chi riuscirà, tra gli ospiti, a fare girare il cerchio più volte attorno al proprio vitino da vespa?

Sicuramente però il gioco più coinvolgente in occasione di un matrimonio è la “caccia al tesoro”! E’ quest’ultimo, tra le altre cose, il modo più adatto per fare subito “stringere amicizia” tra gli invitati alle nozze!

 

game wedding

 

 

Insomma ad un Game Wedding state certi che nessuno resterà, in alcun momento, fermo al suo posto… non ci sarà, assolutamente, tempo per oziare!

Mariagrazia Poggiagliolmi