La Biostimolazione

L’invecchiamento cutaneo, tanto il fisiologico quanto quello foto-indotto, si manifesta con perdita della idratazione profonda, rughe, iperpigmentazioni di vario tipo e alterazioni della componente amorfa del derma.

bio 1

La biostimolazione, chiamata anche biorivitalizzazione è uno dei trattamenti sempre più richiesti in medicina estetica; è un trattamento che aiuta a recuperare e a mantenere la giovinezza della pelle attraverso la ricostruzione/riorganizzazione della sua struttura interna.

Idratando in profondità la cute, la biostimolazione preserva e restituisce alla pelle un aspetto giovanile, soprattutto nei periodi di particolare stress o di cambio di stagione ed è consigliata in caso di rilassamento dei tessuti, pelle secca, presenza di pori dilatati, cute ipotonica od opaca come accade ad esempio dopo una intensa e prolungata esposizione al sole, e per correggere le rughe molto sottili .

bio 2

 

Possiamo definire la biostimolazione come un programma di bellezza, avente lo scopo di ringiovanire la pelle in tutti i suoi strati, a partire dall’epidermide (quello più esterno e visibile) , ma anche in profondità , nel derma e nell’ipoderma.

Il trattamento prevede l’infiltrazione con aghi sottilissimi di acido ialuronico unito a glicerolo, aminoacidi e/o polinucleotidi.

L’azione sinergica di queste sostanze assicura:

azione idratante dovuta all’integrazione dell’acido ialuronico in calo con ripristino di un adeguato e fisiologico turgore della cute

azione fibroblastica dovuta all’aumento sia del numero che dell’attività dei fibroblasti cioè delle cellule deputate alla sintesi del collagene che è la proteina che conferisce tono e compattezza alla pelle.

tecniche bio

Il protocollo prevede una infiltrazione ogni 15 giorni per un totale di 3/4 sedute e poi dei richiami da effettuarsi ogni 3 mesi per il mantenimento ottimale dei risultati.

Le aree che possono essere trattate sono il viso, il collo , le mani e il decolletè.

E’ consigliabile non eseguire il trattamento se non sia passata almeno una settimana dall’ultima assunzione di anticoagulanti orali e/o antiinfiammatori non steroidei.

Si consiglia sempre l’utilizzo di prodotti già confezionati in siringa sterile, dotati di adesivo di tracciabilità da consegnare alla paziente.

Gli effetti collaterali sono rari e comunque legati al trauma iniettivo: gonfiori, eritemi o piccoli lividi si risolvono spontaneamente nel corso delle successive 24/48 ore

Studi hanno dimostrato come la biostimolazione non solo migliora l’aspetto e la struttura della cute ma rallenta anche l’invecchiamento della stessa.

Pertanto la biostimolazione rappresenta un trattamento che ha numerose indicazioni: può essere complementare ad altre procedure di medicina estetica (filler., botox, laser Ect) oppure rappresentare il trattamento iniziale per coloro che intendono curare la pelle senza alterare in alcun modo la propria fisionomia.

 

IMG_1169

A cura di:       Dott. Giuseppe Fera, specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estatica-  Resp. Chirugia Plastica Asl Caserta- Ospedale Melario S.Maria –   Socio Ordinario S.I.C.P.R.E. (Società Italiana Chirurgia Plastica) –  www.giuseppefera.it – giufera@yahoo.it

Il dott. Giuseppe Fera, è un medico chirurgo, specialista in chirurgia plastica , ricostruttiva ed estetica Svolge la sua attività presso l’ospedale “G.Melorio” di Santa Maria Capua Vetere , dove è responsabile dell’ambulatorio di Chirurgia Plastica dell‘ Asl Caserta e dove partecipa, in qualità di chirurgo plastico, alle attività della Breast Unit dove esegue ricostruzioni mammarie in donne mastectomizzate.Inoltre svolge privatamente la sua attività di chirurgo plastico presso diverse cliniche private. Ha una grande esperienza per quanto riguarda le procedure mini-invasive per il ringiovanimento del volto e per quanto concerne l’utilizzo di varie tipologie di laser. È stato tra i primi in Italia ad utilizzate la tecnologia americana nota come Ultherapy per il lifting non chirurgico del viso e del collo. Il Dott. Fera è socio ordinario della Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (S.I.C.P.R.E.) ed è autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali, nonché relatore e docente a corsi e congressi.