A Parigi va in scena il sogno… con Dior

L’imperdibile mostra al Museo Des Arts Decoratifs della storia di Dior raccontata attraverso 300 abiti

Per le 70 candeline della Maison Dior, al Musèe Des Art Decoratifs di Parigi è stata allestita la più grande retrospettiva mai dedicata alla griffe. In nome dell’arte, della moda e della meraviglia, dal 7 luglio al 28 gennaio 2018, tante le celebr già intervenute! Vietato non esserci!

I dettagli della mostra di Dior

“Il visitatore potrà scoprire ciò che normalmente non mostriamo, apriamo le porte, entriamo negli studi della creazione e mostriamo le tavole, gli album della collezione, come l’album dei collage di John Galliano. Capiremo quanto la creazione della moda si rifornisce d’arte, di cultura, dai paesi di tutto il mondo, capiremo la ricchezza delle fonti d’ispirazione dell’Haute Couture”- ha dichiarato Florence Muller, la curatrice dell’evento. Si tratta della più grande esposizione di moda mai tenuta a Parigi. Il titolo dell’esposizione è l’evocativo “Christian Dior, Couturier Du Rêve” [il sarto del sogno, n.d.r.].

ph by adrien dirand

L’inaugurazione ufficiale è stata il 5 luglio, ma la mostra rimarrà aperta alle visite per 6 mesi. L’esposizione è allestita in ordine cronologico (presenta vestiti dal 1947 al 2017) e segmentata nei vari periodi “creativi” di Dior, sotto l’egida dei vari direttori: da Dior a Yves Saint Laurent, da Gianfranco Ferré a John Galliano, Raf Simons fino ad arrivare alla più recente e applauditissima Maria Grazia Chiuri.

ph by adrien dirand

La scenografa Nathalie Crinière, che ha collaborato alla creazione della mostra, ha pensato di dividere la prima parte in diversi contesti rappresentativi dello stile immortale di Dior: una galleria d’arte, un atelier, una strada, un boudoir e un giardino.

ph by adrien dirand

Nella seconda parte, una navata ripropone cronologicamente i “grandi stilisti” di Dior, dividendo la storia del marchio in diversi periodi.

ph by adrien dirand

Abiti da sposa, abiti pret a porter, profumi, tutte le creazioni, opere d’arte della Maison Dior racchiuse in un’unica grande mostra, un viaggio attraverso il sogno, la moda, l’eleganza..

ph by adrien dirand

Il fulcro della storia

Il fulcro della mostra è raccontare Dior e quanto sia stato importante per la storia della moda. Dior, nei lontani anni ’40-’50, spazzò via le ceneri del dopoguerra regalando un nuovo, irresistibile modello di femminilità. Ha inaugurato l’era dei pizzi, dei ricami, delle lavorazioni raffinate, delle gonne a corolla, di un’eleganza senza tempo.

ph by adrien dirand

La Muller ha spiegato anche i vari accorgimenti che sono stati utilizzati nell’esporre i tessuti (alla luce o in penombra) a seconda dei materiali, in alcuni casi delicatissimi e soggetti alla rovina del tempo. “Quando Christian Dior presentò il suo nuovo look, presentò veramente un’idea di ristabilire la femminilità in tutto il suo splendore, qualcosa a cui tutti i direttori artistici che si sono succeduti sono rimasti fedeli”

ph by adrien dirand

 La mostra Dior è senza precedenti, un’esposizione imperdibile per qualunque appassionato di moda ma anche per i curiosi o i turisti in visita nella Ville Lumière.  Tante le celebr  che non hanno saputo resistere tra cui la  Charlize Theron, Jennifer Lawrence, Aimee Song,  Zhang Ziyi, Julia Restoin Roitfeld, Lucie de la Falaise, Natalie Portman, Bella Hadid, Bianca Jagger, Eva Herzigova, Laura  Morante…

ph by adrien dirand

 

ph by adrien dirand

Abbiamo ancora qualche mese di tempo  per visitarla, noi ci andiamo ed estendiamo l’invito a tutti voi, chissà nell’aurea di bellezza e sogno potrebbe scattare una proposta di matrimonio proprio ai piedi della Tour Eiffel!

 

 

Commenta