Briatore, la Puglia e le wedding planner: l’evento “Nice to meet you” di Confindustria Bari e Bat

Una tavola rotonda e un tour fra le bellezze artistiche e naturali della regione più amata dagli sposi 2017, per confrontarsi e pensare al futuro!

Sebbene la professione del wedding planner sia giunta in Italia dagli States, insieme con molte delle mode che hanno interessato il mondo dei matrimoni, negli ultimi anni si è registrata una notevole riscoperta delle bellezze naturali e artistiche del nostro Paese, scelto non solo come destination wedding da coppie straniere, ma anche da futuri sposi italiani che desiderano regalare ai propri ospiti suggestive esperienze di soggiorno presso località dai colori, profumi e paesaggi spettacolari. Fra queste, naturalmente, alcuni centri della bella Puglia, meta di gran moda quest’anno per sposi provenienti da tutto il mondo, celebri e non, che hanno organizzato in questa regione del Belpaese le loro scenografiche nozze.

Basti pensare alle recenti nozze degli ereditieri Renèe Sutton e Eliot Cohen che, residenti a New York, hanno scelto Monopoli, in provincia di Bari, come destination wedding del loro matrimonio da favola. Nonostante le nozze abbiano suscitato, non solo l’ammirazione di pubblico e media, ma anche svariate polemiche per una presunta “invadenza” propria del popolo pugliese, la regione sta scalando rapidamente la classifica dei luoghi più amati dagli sposi stranieri e non solo.

Ciò ha consentito un notevole sviluppo di queste zone, sia in termini economici e di turismo, che di visibilità. Così, molti wedding planner, non solo del Sud, ma provenienti da tutta Italia, hanno colto l’occasione di questa crescente popolarità per puntare i riflettori su questioni di grande importanza, quali le potenzialità del territorio da sfruttare, le bellezze da valorizzare, le molteplici offerte di business derivanti dal settore wedding e la necessità di coinvolgere istituzioni locali e Associazioni.

A questo scopo, cinque fra le più affermate wedding planner operanti sul territorio nazionale, Cira Lombardo, Giorgia Fantin Borghi, Natascia Milia, Andrea Naar Alba e Roberta Torresan, hanno incontrato il coordinatore di Confindustria Bari e Bat – Sezione Ricevimenti, Michele Boccardi, e gli imprenditori associati, per un confronto su un possibile piano di promozione degli eventi da organizzare in Puglia.

L’iniziativa, dall’accattivante titolo anglosassone Nice To Meet You, si è sviluppata, non solo in forma di tavola rotonda sulle principali questioni inerenti il mondo del wedding pugliese, ma anche come tour fra alcune delle più amate location sparse fra la terra di Bari, la Puglia imperiale e la Valle d’Itria, come Villa Menelao di Turi, Gand Hotel La Chiusa di Chietri di Alberobello, Abate Masseria di Noci, Villa Degrecis di Bari, Palazzo San Giorgio di Trani, Calderoni Martini Resort di Altamura, Villa Romanazzi Carducci di Bari, Villa Carafa di Andria, Lo Smeraldo di Canosa, Villa Bianchi di Trani, Ristorante Parco la Serra di Castellana Grotte e Il Trappetello di Monopoli. Le wedding planner hanno, così, avuto la possibilità di conoscere meglio, per l’appunto, l’offerta delle sale ricevimenti pugliesi, raccogliendo informazioni e spunti utili, per ideare nuove strategie di comunicazione e pianificazione degli eventi, con il supporto degli imprenditori locali.

Donna Lavinia
Corte Bracco dei Germani

Dal proficuo confronto è emersa la volontà di focalizzare abilità e competenze sulla rivalutazione del territorio e la sua lettura in chiave wedding, rendendo le strutture accessibili e adatte all’organizzazione di ricevimenti, migliorando la qualità dei servizi offerti, il riconoscimento del lavoro svolto da organizzatori e fornitori e la cura dei dettagli per la completa soddisfazione degli sposi.

Tutti, fra wedding planner e imprenditori, si sono trovati d’accordo nel riconoscere il fascino di questa terra meravigliosa, caratterizzata da genuinità, calore e tipicità, che la rendono tanto amata dagli sposi, quanto dagli operatori.

Calderoni Martini Resort, Altamura

Parliamo di quel “provincialismo” che Flavio Briatore ha inteso in chiave dispregiativa, ma che i protagonisti di Nice To Meet You hanno invece voluto leggere positivamente, interpretandolo sulla base della storia, delle bellezze naturali e artistiche e della spontaneità della popolazione, impossibili da trovare altrove e perciò, forse sì, “provinciali”, ma anche spettacolari, cuore di una terra tanto particolare e bella, quanto amata.

Le wedding planner hanno invitato, perciò, gli operatori pugliesi a fare rete e a migliorare capacità ricettive e iniziative volte all’intrattenimento di sposi e ospiti. Ogni aspetto del matrimonio necessita, infatti, della partecipazione di uno o più professionisti, motivo per il quale, a seconda delle richieste degli sposi e del budget a loro disposizione, le figure coinvolte nell’organizzazione dell’evento ruotano sulla base del progetto creato di volta in volta. Questo implica la creazione di nuovi equilibri imprenditoriali, richiesta di sempre maggiore forza lavoro e movimento economico in svariati ambiti, rispetto ai quali è necessario attrezzarsi, prepararsi e aggiornarsi a vari livelli, imparando anche a cooperare in vista di un obiettivo comune.

Rispetto alla spettacolarizzazione di un evento, invece, essa “può essere parte della sua stessa progettazione”, ha precisato l’event creator Cira Lombardo, “comunicarne con incisività di particolari svolgimento, incanto e successo tra gli ospiti, fa parte – quasi – dei doveri degli organizzatori, per rafforzare location, promozione territoriale e standard dei servizi.” Del resto, “Sul fronte privacy – in particolare per gli eventi più esclusivi – ogni organizzazione ha potenzialità più o meno adeguate per gestirla. In Italia come all’estero, riuscire a garantirla dipende spesso dai desideri degli sposi e dalla capacità di rispettarli” ha aggiunto l’event creator.

Palazzo San Giorgio, Trani

In altre parole, la struttura dell’organizzazione matrimoni in Puglia va rivista, potenziata e valorizzata, comprendendo come il successo di questa operazione sia lo scopo comune, per crescere e migliorare insieme. “Sull’onda della celebrità segnata dall’arrivo in Puglia di nomi eccellenti e famiglie blasonate, va colto il trend favorevole per mettere a frutto il vento in poppa” ha detto Giorgia Fantin Borghi.

Il Trappetello, Monopoli

Il  Presidente di Confindustria Bari e BAT, Domenico De Bartolomeo, ha aggiunto: “La nostra Associazione ha aggiunto la Sezione Ricevimenti, aggregando gli operatori del Wedding, proprio con l’obiettivo di dare voce e fornire strategie di crescita a un settore molto promettente, che ha dimostrato oggi saper essere coeso e di saper fare squadra.”

Villa Degrecis
Villa Carafa, Andria
Ristorante Menelao, Santa Caterina

Il dibattito è stato moderato da Alessandra Lofino, giornalista e curatrice dell’evento, e vi hanno preso parte, fra gli altri, il Vice presidente Aeroporti di Puglia, Antonio Vasile, l’Assessore ai Lavori Pubblici Comune di Bari, Giuseppe Galasso, il Dirigente della Regione Puglia, Salvatore Giannone, la responsabile Settore Wedding di Puglia PromozioneMarilina Desario e il Magnifico Rettore Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, Antonio Uricchio.

Parco la Serra Ricevimenti, Castellana Grotte

L’auspicio è che questa iniziativa sia il primo passo verso un “matrimonio” lavorativo più ampio fra organizzatori e operatori locali, per diffondere e far conoscere a tutto tondo le eccellenze di una terra che ha tanti tesori nascosti da offrire, anche nel campo del wedding.

Villa Romanazzi Carducci, Bari

Special thanks to Storico caseificio Di Cecca, Panificio Di Gesù, Ermes Fruit, Salumificio Santoro, Vespa Vignaioli, Birra Musa e Stabilimento fiori l’olmocolmo, insieme ad Aeroporti di Puglia e Lofino&Partners, sponsor dell’evento.

Commenta