Pasqua in arrivo: idee per la mise en place, con Papa cioccolato e confetti!

Consigli utili e dettagli golosi e creativi per un pranzo pasquale coi fiocchi. Le dolcezze Papa per i vostri ospiti!

Pasqua è alle porte, avrete ospiti a pranzo e non avete ancora pensato a come decorare la tavola? Ecco delle idee utili e semplici da realizzare per rendere l’atmosfera allegra e piacevole! Sì ai colori, che non dovranno mancare per questa festa celebrata proprio agli inizi della primavera.

È il momento di apparecchiare la vostra tavola per il pranzo pasquale, ma come rendere l’insieme originale e in tema con questa festività? Innanzitutto, potrete scegliere di allestire la mise en place direttamente sul tavolo “nude”, soprattutto se si tratta di un elemento in legno grezzo, posizionando al centro un runner in cotone, lino o iuta, oppure potrete utilizzare una tovaglia in tema: perfette quelle nelle sfumature pastello.

pianetadesign.it

Segnaposti.

Scegliete un modo dolcissimo per indicare ai vostri ospiti dove accomodarsi, utilizzate i confetti Papa Cioccolato e Confetti nelle varianti più colorate e allegre e sistemateli in sacchetti di organza o cellophane. Saranno perfetti i confetti della linea Cioccogolosi, ad esempio i Cioccoricottapera, in una delicata sfumatura verde, i Cioccozabaione, con glassa arancio, i Cioccopistacchio e i Ciocconoce. Chiudete i sacchetti con nastri di raso in tinta e completate il tutto con bigliettini su cui andranno riportati i nomi dei vostri invitati.

Cioccozabaione, Ciocconoce, Cioccoricottaepera.

Centrotavola.

Per il vostro centrotavola, le possibilità sono infinite. Potrete sistemare in un vaso di latta colorata un ramo di ciliegio decorato o creare una ghirlanda di fiori con all’interno uova colorate.

Ecco come dipingere le vostre uova pasquali:

  1. Fate bollire le uova in una casseruola, immerse nell’acqua con un pizzico di sale. Portatele a ebollizione e poi riducete la temperatura, cuocendole a fuoco lento per almeno dieci minuti. Estraetele dall’acqua delicatamente con un cucchiaio o delle pinze e passatele sotto l’acqua corrente per renderle abbastanza tiepide, dopodiché mettetele a raffreddare in frigorifero prima dell’utilizzo.
  2. Per colorare e decorare le uova, utilizzate del colorante alimentare, da stendere sulla superficie con un pennellino. Acquistate più colori, preferendo tonalità chiare e sovrapponendo sfumature diverse. Potrete completare il lavoro con vernice glitter.

Volendo, è possibile disegnare sulle uova con i pastelli, oppure applicando nastro adesivo, elastici o puntini, creando effetti diversi: le parti coperte dell’uovo non saranno tinte e creeranno decorazioni diverse.

wikihow.it
wikihow.it

Menù.

Fate in modo che anche i vostri piatti siano colorati e preparati con ingredienti freschi e naturali. L’occhio vuole la sua parte, quindi cercate di impiattare con creatività. Per l’antipasto, pensate a dei taglieri in legno sui quali disporre le pietanze più disparate, dai formaggi, ai salumi, fino ad arrivare a marmellate, rustici e verdure.

Volete personalizzare anche i menù? Utilizzate stampe fiorate o cartoline con immagini in stile retrò che ricordino vecchi libri di botanica e annotate sul retro le portate che andranno a comporre il vostro pranzo pasquale.

Dolce finale.

Ecco un delizioso dono da fare ai vostri ospiti a conclusione del pranzo di Pasqua, le uova di cioccolato Papa cioccolato e confetti realizzate con produzione artigianale e stimate da un pubblico di intenditori, famose sul territorio tra i golosi di tutte le età. Le uova di cioccolato Papa rappresentano un prodotto stagionale, realizzato nel periodo pasquale con la consueta cura per i dettagli e il rispetto della tradizione e creato sapientemente con raffinati blend di cacao monorigine sud americani, provenienti da Ecuador, Caranero e Santo Domingo. Le uova possono essere personalizzate, per un dolce ricordo perfetto anche per i più piccoli!

Insomma, esistono tante idee adatte a tutti i gusti, per qualsiasi stile e, soprattutto, per tutte le tasche, non resta che dare libero sfogo all’immaginazione!

Commenta