Il taglio della torta: regole di galateo

Anglosassone, a piani, naked, a cappelliera, all’americana, comunque la wedding cake dovrà rispettare delle regole di galateo

Regina indiscussa di ogni ricevimento nuziale, la wedding cake ha il compito di concludere i festeggiamenti. Ammirata quasi quanto l’abito della sposa, rappresenta il “coup de theatre”  e ha il dovere di essere bellissima e buonissima. Avendo un ruolo così importante ad essa sono legate tutta una serie di regole di galateo, che vanno assolutamente rispettate!

Il wedding cutting cake è il momento più atteso di ogni ricevimento nuziale e ad esso sono legate alcune regole di galateo da rispettare rigorosamente.

Innanzitutto, occorre sapere che la wedding cake deve rispettare lo stile generale del vostro matrimonio, le decorazioni floreali, i colori degli allestimenti. Deve   essere coerente con il menù del banchetto – lo chef del ristorante sarà certamente a disposizione per darvi qualche buono consiglio in merito.

Deve tenere conto della stagione delle nozze – gusti freschi in estate, delicati in primavera e sapori più decisi in inverno.

Essere ben visibile a tutti gli invitati, deve quindi essere posizionata in un punto strategico e ben illuminato

I decori sono importanti almeno quanto la forma e le dimensioni

Ma anche la tradizione e le regole dell’etichetta possono darci qualche indicazione utile

Instagram

Taglio della torta nuziale: origini e significato

Le origini della torta nuziale sono remote e assai curiose. Fa la sua prima apparizione ai tempi degli antichi Greci: torte nuziali semplici a base di miele e farina, le cosiddette Plakuntes o Pemmata, dove la prima fetta era sempre rivolta alla sposa per augurarle prosperità e e fertilità.

Mentre  i romani, che per tradizione e buon auspicio, usavano sbriciolare la torta in capo alla sposa! La prima torta nuziale a più piani Nasce nel 1800 con la Regina Vittoria d’Inghilterra come simbolo di potere della famiglia: più erano gli strati e maggiore era la dote posseduta dalla famiglia. Gli sposi dovevano poi cercare di baciarsi sopra quella impressionante impalcatura di torte senza farle cadere: se ci riuscivano, si garantivano una buona dosa di fortuna e fertilità per il futuro.

Dalla notte dei tempi e indipendentemente dai periodi storici, l’origine della torta nuziale assume da sempre un significato romantico. La sua forma circolare infatti, proprio come quella delle fedi, simboleggia l’amore eterno e indissolubile, la più perfetta tra le geometrie, quella che garantirà agli sposi la protezione celeste,  mentre gli strati, gli scalini della vita, che la coppia, da questo momento, dovrà condividere insieme: nella gioia e nel dolore, e devono essere sempre dispari cioè indivisibile come si spera sarà la coppia che si sposa!

Galateo sul taglio della torta

Il taglio della torta nuziale dovrebbe essere organizzato in un luogo romantico, separato da quello in cui si svolge il ricevimento, poiché rappresenta uno dei momenti più significativi del matrimonio.

Con questo gesto infatti, secondo la tradizione, la sposa assume ufficialmente il ruolo di padrona di casa della nuova famiglia, servendo al marito la prima fetta di torta. Gli invitati, proprio per questo motivo, non possono accomiatarsi prima del taglio della torta: sarebbe un gesto estremamente scortese. E’ possibile, data l’importanza del rituale, invitare alcuni ospiti ad assistere in modo specifico a questo particolare momento: lo si farà, formalmente, con un apposito cartoncino stampato e allegato alla partecipazione o all’annuncio.

Pinterest

Il taglio della torta, portata dai camerieri ancora intera, deve essere eseguito rigorosamente dalla mano della sposa

Lo sposo dovrà afferrare il coltello e guidare il taglio della prima fetta. La mano della sposa, lievemente posata sopra la sua, dovrà assecondare il gesto del marito fornendogli il sostegno necessario per compiere questo primo atto della nuova vita comune. La sposa  dovrà poi servire la prima fetta al marito e successivamente, in ordine, alla suocera, alla mamma, al suocero, al papà ed infine ai testimoni.

Brides Magazine

Questo rituale tradizionalmente così importante, dovrebbe sempre essere accompagnato da una colonna sonora dedicata: preferibilmente quella che ha fatto innamorare gli sposi. Gli sposi e tutti i partecipanti al banchetto dovrebbero assaggiare un pezzo di torta, affinché porti fortuna alla coppia. Il taglio della torta è accompagnato dall’immancabile foto e prelude al brindisi. Se si decide di invitare alcuni ospiti esclusivamente al taglio della torta, è bene che la cena termini in perfetto orario, per non far attendere le persone che non partecipano al banchetto (questo richiede una perfetta organizzazione). Successivamente sia previsto un ballo, organizzato con cura e attenzione. Questo perchè ogni evento , secondo il galateo, è un momento di incontro e socializzazione e deve avere una durata tale da permettere alle persone di comunicare.

Elegant Production

Si tenga presente inoltre che, se il ricevimento termina senza il ballo, la maggior parte degli invitati al banchetto si allontanerà subito dopo, lasciando da soli quelli presenti al solo taglio della torta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta