Matrimonio all’aperto: tutto ciò che c’è da sapere

Come organizzare un perfetto matrimonio all’aperto senza rischiare incidenti, imprevisti e scivoloni. Per prima cosa, occorre la location giusta: Tenuta Leone!

Un matrimonio all’aperto, con un ricevimento organizzato in una location immersa nel verde o vicino al mare, è il sogno di molti sposi, ma la pianificazione di un evento di questo tipo non deve essere sottovalutata e può nascondere molte insidie.

La prima regola fondamentale per un wedding party all’aperto è, naturalmente, prevedere un piano B, con uno spazio al chiuso disponibile nel caso in cui le condizioni climatiche giochino qualche brutto scherzo, anche se ci si trova in primavera o in piena estate. In una location all’aperto può svolgersi, non solo il ricevimento, ma anche il rito vero e proprio, sia esso civile o religioso, anche se con alcune limitazioni.

Burocrazia per celebrare un matrimonio all’aperto.

Che si tratti di rito civile o religioso, è necessario fornire all’Ordinario o al Comune una motivazione valida per la richiesta di celebrazione di matrimonio al di fuori degli edifici consacrati o istituzionali.

In alcune città italiane, esistono spazi all’aperto adiacenti ai luoghi di culto, dove il sacerdote celebra la messa su richiesta degli sposi o durante la bella stagione. Da tenere presente la possibilità di scegliere castelli e ville per matrimoni con cappella annessa.

Per il rito civile all’aperto, la legge autorizza le celebrazioni al di fuori della casa comunale solo in presenza di seri impedimenti, perché i registri vengano spostati dal luogo in cui sono custoditi il meno possibile, ma negli ultimi tempi sono sempre più frequenti i matrimoni celebrati in location esterne da rappresentanti comunali o dal sindaco stesso, soprattutto nei piccoli centri.

Fresco menù.

A dettare legge per la scelta del menù, non sarà tanto il luogo, quanto la stagione, soprattutto nel caso di eventi organizzati in piena estate, per i quali sarà bene preferire pietanze fresche e leggere, con frutta e verdura di stagione o con delle pietanze finger food da mangiare con le mani in piccole quantità. Se possibile, scegliete anche ingredienti bio e a km 0 che vi garantiscano qualità e freschezza. Non dimenticate tante bibite dissetanti!

Addobbi floreali e accessori sposa per un matrimonio all’aperto.

Non esagerate con gli allestimenti se la location è già ricca di verde, ma scegliete con cura le decorazioni floreali per i centrotavola, possibilmente con fiori di stagione, come orchidee, tulipani, peonie, dalie e fresie. Sì a candele e a lucine dorate, no ai profumi troppo forti che possono interferire con l’appetito degli ospiti.

Strutture e cadeaux.

Considerate, al di là degli imprevisti atmosferici, anche le peculiarità di un matrimonio all’aperto, come sole, caldo o umidità. Se vi sposate di giorno, il sole potrebbe essere una seccatura per gli ospiti, soprattutto per i signori in giacca e cravatta. Prevedete ombrelloni, gazebo o tensostrutture, nel caso in cui non ci siano coperture in muratura. Di sera, invece, potrebbe essere un problema l’umidità. Potrete prevedere cadeaux appositi, come stole, scialli e foulard.

La location perfetta.

Molto più di una location, molto più di un ristorante per matrimoni, Tenuta Leone è a Calvanico, in provincia di Salerno, un posto speciale, con la bellezza di una villa storica immersa nel paesaggio naturale del parco Monti Picentini. La sua grande sala può accogliere fino a 350 ospiti e una grande vetrata a forma di occhio permette di vedere la cucina, dove chef e staff sono impegnati nella preparazione di piatti prelibati e di prima qualità.

Tenuta Leone non è solo un ristorante di alta cucina o una location per festeggiare eventi speciali: la tenuta comprende un parco mediterraneo, una villa ottocentesca e una chiesa barocca, che diventano meravigliosi sfondi per servizi fotografici.

La Villa Storica.

Qui è iniziata la storia di Tenuta Leone e qui ha inizio ogni matrimonio o evento, nella corte d’onore, dove solitamente viene servito l’aperitivo. Nelle antiche cantine è custodita una pregiata selezione dei vini, mentre nel ricovero delle carrozze dal soffitto a volta, dal forno a legna vengono sfornate le pizze per uno stuzzicante preludio al banchetto di nozze.

Il giardino e il Roof Garden.

Una piscina su cui si specchia il cielo della Campania, un parco mediterraneo e un giardino di ulivi, un Roof Garden in legno a forma di onda, sotto cui sedersi ai tavoli per degustare gli antipasti. E poi, dopo il banchetto nuziale, dove ritrovarsi per assaggiare liquori, distillati, digestivi e, naturalmente, i confetti e i dolci.

La sala banchetti.

Attraversando il giardino, lo sguardo si ferma su una villa più moderna, ma che evoca la storia e la bellezza dell’architettura mediterranea classica. Per ospitare la sala banchetti è stata creata  una struttura bassa, a un solo piano, proprio come la villa storica. E i suoi portici in stile ottocentesco sono stati pensati non solo come riparo dal sole, ma per integrarsi perfettamente con lo stile e l’atmosfera della villa storica.

Questo è il cuore di Tenuta Leone: all’interno la grande sala in marmo color avorio e i suoi grandi tavoli rotondi, ai quali possono accomodarsi fino a 350 ospiti. Intorno, grandi porte finestre per far viaggiare lo sguardo sul parco.

www.tenutaleone.it

Commenta