David di Donatello 2019: sul red carpet vince l’eleganza classica

Da Uma Thurman a Isabella Ferrari a Kasia Smutniak tutte le star italiane e internazionali in bianco, rosso e nero e qualche accenno di oro

Nella tiepida notte del 27 marzo si è svolta a Roma la sessantaquattresima edizione dei David di Donatello, in cui si premia il cinema italiano. Il red carpet ha visto una predominanza del total black, tanta eleganza classica, senza bizzarrie come in passate edizioni. ll red carpet è stato dominato dalle firme più prestigiose della moda nostrana, da Giorgio Armani – che ha vestito, tra gli altri, anche la meravigliosa Uma Thurman, premiata con uno speciale David alla carriera – a Gucci, passando per Prada e Twin Set, è stato caratterizzato dal trionfo dell’eleganza e del rigore riservando rare sorprese. Sono poche, infatti, le star che hanno osato discostandosi dalla comfort zone del total black, optando per cromie più accese e vibranti, dal giallo al rosso, o scegliendo la purezza del bianco.

C’è stato anche spazio per qualche gradito e imprevisto colpo di testa: è il caso delle voluttuose piume della gonna rosa di Andrea Delogu e del total yellow della giovane Marianna Fontana. Hanno puntato su un impeccabile nero  Uma Thurman, Isabella Ferrari, Kasia Smutniak e Sabrina Impacciatore, in monospalla.

Mentre su intramontabile rosso: Donatella Finocchiaro, Jasmine Trinca e Stefania Rocca hanno interpretato al meglio questa tendenza.

In primaverile bianco: in versione abito cocktail come ha fatto Alba Rohrwacher.

in smoking, come Pina Turro.

Blu notte, ma così notte da sembrare nero, l’abito della star della serata Elena Sofia Ricci.

Un po’ di perplessità per Carolina Crescentini, drappeggiata gold.

e Marianna Fontana in giallo mimosa.

Focus anche sulle scarpe: Smutniak sandali bianchi all’abito black, Trinca all’abito rosso ha abbinato a delle décolleté rosa e sandali neri per l’abito bianco di Rohrwacher.

Pollice verso per Stefani Sandrelli che annega in uno scialle tipo zanzariera e scollatura procace per l’età

e per  Marina Confalone con il suo outfit da  Rossella O’Hara partenopea.

 

In definitiva ha regnato l’eleganza classica con tanto nero elegante, ricamato, trasparente e aderente

Ph IoDonna

Commenta