Wedding Tourism: l’attività che “si sposa” con la promozione del territorio

Un importante evento, che aprirà la strada all’incremento del wedding tourism nella penisola sorrentina e non solo!

Questa sera, alle ore 18.00, presso l’albergo di Villa Fiorella, si svolgerà un importante evento organizzato dall’Amministrazione comunale di Massa Lubrense, il cui scopo sarà promuovere la celebrazione dei matrimoni civili in location private. Dopo che il bando è stato pubblicato per tre anni consecutivi, il Comune di Massa Lubrense ha deciso di rinnovarlo e di puntare ancora sulla celebrazione di matrimoni civili in location esterne al Palazzo Municipale e alle tradizionali aree comunali, presentando questa sera un nuovo bando. Un passo importante, che coinvolge le strutture ricettive della penisola sorrentina in un segmento di mercato prezioso per lo sviluppo dell’economia locale e non solo. Parteciperanno alla convetion ospiti speciali, quali il Sindaco, Lorenzo Balducelli, l’assessore al turismo, Giovanna Staiano, il consigliere Federalberghi penisola sorrentina, Michele Savarese e la celebre Event Creator Cira Lombardo.

L’incontro nasce dalla pressante necessità di confrontarsi sull’importanze del wedding tourism, al fine di aprire uno spazio di dialogo per una maggiore consapevolezza delle potenzialità di un settore in netta crescita, capace di creare posti di lavoro, sinergie, visibilità e guadagni. L’evento stesso è stato realizzato attraverso un essenziale lavoro di squadra, innanzitutto con la famiglia Colonna che lo ospiterà sulla terrazza allestita dalle giovani imprenditrici massesi Wedding Planners, Mariella Gargiulo, Serena Esposito, Raffaella Gargiulo e Emilia Celentano.

L’augurio è che molte altre strutture, oltre ai due alberghi che già hanno aderito all’iniziativa e a quelle che hanno manifestato il loro interesse, da questa sera, consapevoli più che mai dell’importanza di questa occasione con la presentazione del nuovo bando, si aggiungeranno alla lista dei luoghi dove sarà possibile celebrare riti civili.

 

Commenta